Immagine sezione
Logo Bocconi

Piano Strategico 2016-2020

L’Università Bocconi ha adottato un piano strategico per il quinquennio 2016-2020
Il piano, approvato dal Consiglio di amministrazione nel giugno 2015, analizza le tendenze più rilevanti che caratterizzano il settore dell’istruzione universitaria nel contesto internazionale e in quello italiano, definisce la posizione strategica dell’Università e delinea le strategie e gli obiettivi più importanti che guideranno l’azione della Bocconi nei prossimi cinque anni. 
Il piano descrive inoltre le attività e le iniziative progettate per conseguire i principali obiettivi. Considerato il veloce ritmo di cambiamento che caratterizza lo scenario, determinato dall’evoluzione della situazione dei mercati, del contesto competitivo e delle tecnologie, le specifiche azioni e iniziative potrebbero dover essere adattate alle circostanze.

I principali obiettivi strategici per il quinquennio 2016-2020 sono:

  1. Rafforzare il reclutamento di docenti di assoluto talento sul mercato internazionale, in un contesto di forte concorrenza per assicurarsi i ricercatori più produttivi: aumentare il numero della faculty permanente del 10% al netto dei pensionamenti e di altre uscite e aumentare la percentuale della faculty internazionale di dieci punti percentuali entro il 2020.
  2. Aumentare la visibilità e la produttività della ricerca effettuata dal corpo docente e nel contempo favorire la rilevanza dell’attività di ricerca per lo studio dei problemi che i responsabili di politica economica, le aziende e le istituzioni si trovano ad affrontare: tutti i dipartimenti Bocconi dovranno classificarsi fra i primi 5 in Europa in termini di produzione e reputazione scientifiche nelle rispettive aree di riferimento entro il 2020.
  3. Rafforzare l’interazione dei docenti con gli studenti per favorire lo sviluppo delle abilità, delle qualifiche e delle competenze degli studenti. Intensificare gli sforzi per innovare il modello d’insegnamento attraverso l’uso di metodologie, strumenti e tecnologie interattive che hanno lo scopo di migliorare il processo d’apprendimento.
  4. Rafforzare il reclutamento di studenti internazionali di talento, riducendo la dipendenza dagli studenti italiani in un contesto di crescente mobilità studentesca: aumentare la quota di studenti internazionali dall’attuale 14% al 18% entro il 2020.
  5. Aumentare l’esposizione internazionale degli studenti, sia in termini di opportunità di studio all’estero (programmi di scambio, doppia laurea, ecc.) sia in termini di stage: aumentare le opportunità internazionali di studio dall’attuale 35% di studenti al 50% entro il 2020, e gli stage internazionali dagli attuali 1200 a 1500 l’anno entro il 2020.
  6. Aumentare le esperienze professionali / di lavoro degli studenti delle lauree triennali, favorendo il processo d’apprendimento: aumentare le opportunità di stage per gli studenti del triennio, passando dall’attuale 22% di studenti in stage ogni anno al 30% entro il 2020.
  7. Rafforzare il placement internazionale dei laureati, facendo leva sugli alumni internazionali e sulle imprese partner: aumentare la percentuale di laureati che sono occupati all’estero (a un anno dalla laurea) dall’attuale 25% al 30% entro il 2020.
  8. Rafforzare il reclutamento internazionale del personale amministrativo, con speciale enfasi sulle persone che hanno esperienze e retroterra internazionali: aumentare lo staff internazionale dall’attuale 1% al 5% entro il 2020.
  9. Aumentare gli investimenti in mobilità sociale, che vanno realizzati attraverso un aumento delle borse di studio, delle esenzioni da tasse e contributi universitari e delle agevolazioni economiche, e allo stesso tempo rafforzare l’impegno sociale dei vari attori Bocconi (studenti, docenti, dipendenti e alumni) a beneficio dell’intera comunità: aumentare gli investimenti complessivi dagli attuali € 24 milioni a € 30 milioni l’anno entro il 2020.
  10. Aumentare gli sforzi di fundraising, facendo leva sull’impegno degli alumni rispetto agli obiettivi strategici: aumentare il flusso di cassa proveniente dalla raccolta fondi, ivi inclusi i conferimenti al patrimonio, dall’attuale 2,5% al 4% del totale delle entrate entro il 2020.
  11. Continuare a migliorare il posizionamento Bocconi nei principali ranking internazionali: classificarsi tra le prime 5 in Europa e fra le prime 20 nel mondo in tutti i ranking riguardanti le scuole di management e le università di scienze sociali entro il 2020.
  12. Espandere, migliorare, innovare il campus Bocconi, anche facendo leva sulle nuove tecnologie didattiche e i nuovi ambienti per lo studio e l’apprendimento, così da offrire agli studenti un’esperienza trasformativa di vita in un campus all’avanguardia per rispetto dell’ambiente e sostenibilità ecologica.

 

 

Ultimo aggiornamento 05/11/2015 - 13:22:38