logo
Immagine sezione

Ruoli e Responsabilità

L'attivazione di un tirocinio coinvolge più soggetti: l’Ente promotore, l'Azienda ospitante ed il tirocinante.

L’Università, in veste di ente promotore dello stage, è responsabile della qualità dell’esperienza di stage che progetta insieme all’Azienda/istituzione e ne favorisce la piena attuazione.

Attraverso il tutor universitario mantiene i rapporti con l’Azienda/istituzione e lo stagista, monitora l’andamento dello stage, predispone la relazione finale ai fini della valutazione delle competenze.

L’Università si impegna a fornire un’assicurazione per gli infortuni sul luogo di lavoro e un’assicurazione per la responsabilità civile verso terzi valida per tutta la durata dello stage. 

L’Azienda/istituzione (pubblica o privata) si impegna ad assegnare allo stagista un tutor aziendale, il cui compito è quello di guidarlo, informarlo sulle regole e la cultura aziendale, favorirne l’integrazione all’interno del gruppo di lavoro, aiutarlo nell’acquisizione delle competenze necessarie, assicurando un ambiente favorevole allo svolgimento del progetto di stage. Valuta, al termine dell’esperienza, la qualità del lavoro effettuato e il raggiungimento degli obiettivi formativi sotto forma di competenze acquisite. Il tutor aziendale ha piena responsabilità delle attività assegnate ed eseguite dallo stagista sotto la sua supervisione.

Lo stagista o tirocinante svolge le attività previste dal progetto formativo presso la sede dell’azienda/istituzione, ne persegue gli obiettivi in accordo con le indicazioni dei tutor. In affiancamento ad un professionista esperto e formato, può contribuire fortemente alle attività aziendali portando come valore aggiunto la sua freschezza intellettuale e un approccio innovativo. Deve rispettare le norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro; mantenere la necessaria riservatezza per quanto attiene ai dati, informazioni o conoscenze in merito a processi produttivi e prodotti, acquisiti durante e dopo lo svolgimento del tirocinio.

 L'Università Bocconi, in qualità di Ente Promotore, pone un accento particolare alla qualità dell’esperienza. Pertanto, si impegna a vigilare affinché vegano rispettati i seguenti divieti:

  • assegnare agli stagisti attività che non rispettino gli obiettivi del progetto formativo, o che prevedano, per la maggior parte del tempo, compiti generici e ripetitivi al fine di acquisire professionalità elementari;
  • utilizzare lo stage in sostituzione di: personale assunto con contratto a termine per picchi di lavoro, personale in ferie, in malattia, in maternità, in cassa integrazione; per colmare vacanze in organico;
  • far svolgere agli stagisti attività da remoto (ad esempio dal proprio domicilio), fuori dal contesto aziendale.
Ultimo aggiornamento 12/06/2018 - 15:36:27