logo
Immagine sezione
Logo Bocconi

GIORNALISTA

Contenuto della professione
Il Giornalista è un professionista che acquisisce, seleziona ed elabora linformazione, trasformandola in prodotto finito notizia, articolo, servizio, comunicato etc. destinato al pubblico o ad altri utenti professionali.
Si possono distinguere, in estrema sintesi, diversi tipi di giornalista: il giornalista della carta stampata, quello televisivo, radiofonico, il giornalista di testata elettronica e il giornalista di agenzia. Questultimo raccoglie direttamente sul campo le informazioni, e, con la messa in rete, le fornisce a tutti gli altri colleghi che lavorano nelle testate, nelle aziende e nelle istituzioni.
Al giornalista televisivo è richiesto anche di recarsi sul campo per effettuare un servizio in diretta, servendosi dellausilio di un cineoperatore. Il giornalista freelance offre contemporaneamente i suoi prodotti a testate di diverso tipo, sia radio-televisive che della carta stampata, e quindi deve essere molto flessibile e adeguarsi alle richieste del committente.
Per la legislazione italiana esistono due figure diverse di Giornalista che non differiscono necessariamente per le mansioni svolte: il professionista e il pubblicista. Il primo è colui che esercita esclusivamente lattività giornalistica, il secondo colui che svolge attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercita altra professione o impiego.

Caratteristiche
Per svolgere questa professione sono necessarie: curiosità, capacità di indagine, analisi e rielaborazione delle informazioni, elevate capacità di sintesi e di lavoro in tempi ristretti, ottime capacità di relazione e gestione dei rapporti umani, capacità di organizzazione del proprio lavoro (soprattutto per il giornalista freelance), conoscenza approfondita di una o più lingue straniere.
É indispensabile avere familiarità con la scrittura e dimestichezza con la lingua in cui si scrive. Sono utili anche competenze tecniche nel campo della videoscrittura e di impaginazione elettronica, luso di Internet, la conoscenza delle tecniche di ripresa e montaggio in digitale, la capacità di andare in video (per i giornalisti televisivi), i sistemi di registrazione audio, una corretta dizione (cruciale in particolare per i giornalisti radiofonici), capacità di presidiare un sito web (per le testate elettroniche).

Modalità e luoghi della professione
Lesercizio della professione in Italia è disciplinata da norme specifiche. Liter per accedere alla professione e allAlbo è complesso e passa attraverso 18 mesi di praticantato obbligatorio e il superamento dellesame di Stato per labilitazione. Una delle strade più frequenti è quella di diventare prima pubblicista e iscriversi nel relativo Elenco. Dopo 24 mesi di collaborazione continuativa, la pubblicazione di 70 articoli firmati e pagati, oppure di 20 servizi di giornali radio o telegiornali, si può fare richiesta di potere effettuare il periodo di praticantato.
Lalternativa è quella di svolgere direttamente i 18 mesi di praticantato obbligatorio allinterno di una redazione (giornale, radio o televisione con almeno 4 giornalisti professionisti) o presso una scuola di giornalismo riconosciuta dallOrdine. Durante questa fase il futuro Giornalista è iscritto in uno speciale Registro dellOrdine, quello dei praticanti. La difficoltà di questa seconda strada risiede nella forma contrattuale del praticantato: si tratta infatti di unassunzione vera e propria.
Il Giornalista professionista può essere un lavoratore dipendente oppure un professionista autonomo che lavora come freelance. La sua attività si può svolgere pertanto allinterno di una redazione o sul campo.
Le figure junior di solito si muovono in un primo momento allinterno della realtà redazionale (anche con uno stage) e solo in un secondo momento possono passare a collaborazioni esterne (stringer). Inizialmente gli argomenti trattati sono vari, nel caso della carta stampata i primi pezzi sono le notizie brevi in cronaca o le pillole.

Siti utili

Ultimo aggiornamento 20/06/2012 - 10:44:24

In questa sezione