Immagine sezione
Logo Bocconi

Milano e il pane

Economia, società, cultura

La mostra “Milano e il pane - Economia, società, cultura”, situata nell’atrio della Biblioteca Bocconi in via Gobbi 5 e visitabile fino a fine dicembre, affronta il tema della sicurezza alimentare adottando chiavi di lettura proprie della storia dell’economia, dell’industria e dell’impresa.
Attraverso l’esposizione di una selezione di volumi della Biblioteca dell’Università Bocconi, e di alcune riproduzioni di documenti appartenenti ad altre importanti collezioni, la mostra illustra gli aspetti salienti dell’evoluzione della produzione, del commercio e del consumo di pane, fino alla nascita di nuovi costumi alimentari, e di corrispondenti fenomeni culturali e comunicativi.
Milano, città dell’Expo, diventa qui il paradigma di un modello di sviluppo urbano collegato a un sistema di approvvigionamento che storicamente ruota intorno alla costante interazione fra città e campagna. Si tratta di un itinerario tematico volto innanzitutto a sottolineare che il futuro della sicurezza alimentare è intrinsecamente legato all’impatto esercitato dalla città sulla produzione, la commercializzazione, e il consumo di beni alimentari. Le proiezioni ci dicono infatti che l’urbanizzazione, non diversamente dal passato, continuerà anche in futuro a essere una delle dinamiche demografiche più intense.
La mostra ci ricorda inoltre che la sfida della sicurezza alimentare non può essere vinta solo attraverso la cooperazione tra scienza e agricoltura. La ricerca di nuovi equilibri fra fame e abbondanza e la diffusione di comportamenti di consumo alimentare sostenibili possono ricevere un contributo anche dalla conservazione, dalla valorizzazione e dalla divulgazione del patrimonio culturale alimentare.
Come ogni forma di patrimonio culturale immateriale, quello alimentare contribuisce a sviluppare e consolidare il senso d’identità, di appartenenza a una comunità, e di continuità, promuovendo in tal modo il rispetto per l’ambiente, per la diversità culturale, e per la creatività umana.
La conoscenza delle nostre radici culturali è quindi di straordinaria importanza per l’esercizio di politiche alimentari pubbliche e private pienamente consapevoli delle implicazioni economiche, politiche e sociali del cibo.

La mostra si divide in tre sezioni.
La prima accompagna il visitatore dentro le mura della città guidandolo a scoprire la duplice natura dell’agglomerato urbano: Milano città che produce, commercia, consuma, e Milano città da nutrire.

La seconda è dedicata all’Esposizione industriale di macinazione e panificazione, un’Expo in miniatura svoltasi a Milano nel 1887, che ha segnato una svolta nella storia della meccanizzazione e dell’industrializzazione della produzione del pane.

La terza documenta il rapporto tra impresa e patrimonio culturale alimentare (food heritage). Se il pane, bene primario per eccellenza, esemplifica le radici di questo patrimonio della città di Milano, la storia dell’impresa consente di far luce sul suo costante rinnovamento al passo con le trasformazioni del contesto economico, sociale e ambientale.

Organizzato da:
Università Bocconi
Biblioteca

Si ringrazia:
Archivio Centrale dello Stato
Archivio Storico Civico
Biblioteca Trivulziana
Camera di Commercio di Milano
Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli Castello Sforzesco Milano
Fratelli Alinari
Le Università per Expo, Comitato Scientifico del Comune di Milano

Ultimo aggiornamento 22/10/2015 - 16:43:24