Immagine sezione
Logo Bocconi

La mobilità in Bocconi

Risultati dell’indagine sugli spostamenti casa-università

Le università sono dei luoghi dove convergono numerose persone, spesso negli stessi orari, generando potenziali impatti sul contesto urbano in cui sono inserite.  Tenendo conto che la community Bocconi (studenti, PTA e docenti) è composta da circa 15.000 persone, il Comitato per la sostenibilità ha promosso, a giugno 2016, un’indagine per conoscere quali siano le attuali abitudini di spostamento casa-università, per comprendere le motivazioni della scelta e per raccogliere suggerimenti per migliorare le modalità per raggiungere da casa l’università. Di seguito vengono riportati i principali risultati dell’indagine.

Chi ha compilato il questionario
Circa 2000 persone hanno compilato il questionario on-line, pari al 13% della totale popolazione bocconiana. Importante segnalare che il 68% del Personale Tecnico-Amministrativo ha contribuito all’indagine.

Da dove veniamo
La Bocconi è sicuramente un attrattore di mobilità, ma con trasferimenti abbastanza brevi: la maggior parte della community Bocconi è domiciliato nel comune di Milano (74%) e, comunque, il 60% ci mette meno di 30 minuti per arrivare in Bocconi. E la frequentazione è molto elevata: il 70% degli intervistati frequenta l’università 5 giorni alla settimana.

Siamo sostenibili negli spostamenti?
L’indagine evidenzia una mobilità abbastanza sostenibile, con l’uso del mezzo pubblico prevalente sull’uso del mezzo privato. In dettaglio, gli intervistati hanno risposto come segue:

  • Il 43% degli intervistati utilizza esclusivamente i mezzi pubblici (raggiunge la stazione o fermata più vicina a piedi o in bici);
  • Il 26% raggiunge l’università a piedi;
  • Il 10% utilizza i mezzi pubblici ma raggiunge le stazioni (treno o metro) con l’auto o lo scooter/moto:
  • Il 10% arriva in auto (come conducente 9%, come passeggero 1%);
  • Il 5% utilizza la propria bicicletta;
  • Il 4% utilizza la moto/scooter;
  • L’1% usa BikeMi.

La sharing mobility
Milano è la capitale italiana della sharing mobility in termini di offerta, grazie al suo sistema di bike-sharing e all’elevata presenza di operatori di car-sharing.  BikeMi viene utilizzato dal 6% dei rispondenti: chi usa quotidianamente il servizio è un numero limitato, tuttavia molti lo usano in alternativa alla camminata o per fare il tragitto tra la stazione del treno o della metropolitana, evitando di aspettare i mezzi di superficie (quando non piove).  Anche nel caso del car-sharing, il 6% della community Bocconi utilizza il servizio, come alternativa ad altre modalità di trasporto, generalmente in funzione del meteo.

La consapevolezza
Sebbene i risultati dell’indagine mostrino che la community Bocconi si muove in maniera abbastanza sostenibile, le motivazioni sono dovute alla comodità (53%) o al fatto di non avere altre alternative (21%).  

Questi risultati, insieme ad altre informazioni, saranno utili per valutare possibili azioni per rendere più sostenibili gli spostamenti casa-università.

Ultimo aggiornamento 15/12/2016 - 08:59:54