Facebook pixel Bocconi Soccer Cup 2016 - Università Bocconi Milano
logo stampa

Bocconi Soccer Cup 2016

CAMPO DI CALCIO PALESTRA UNIFIT BOCCONI SPORT TEAM - MARZO E APRILE 2016

Commento di Roberto Matteucci, Presidente della Sezione Calcio

Torneo Femminile
Uno splendido pomeriggio di primavera, con il cielo insolitamente azzurro e un sole decisamente più che tiepido, fa da degna cornice all’evento finale della Soccer Cup 2016 nella “bombonera” all’interno del Pensionato Bocconi.


Le Abelinate, seconde classificate. La squadra in ordine alfabetico: Antinarelli Caterina, Grasso Morena, Guadagni Sara, Huang Lidanni, Indries Caterina Roxana, Mereta Francesca, Montalbano Isabella, Tizzone Beatrice.

Il primo atto del programma è, come da tradizione, la partita fra le due squadre femminili iscritte, entrambe composte da giocatrici che difendono i colori di Bocconi Sport Team nel campionato universitario. Le ragazze, trasformatesi per una volta da compagne di squadra in avversarie, hanno formato due squadre ben equilibrate e danno vita ad una partita vera, sebbene improntata al massimo fair play e voglia di divertirsi da parte di tutte le protagoniste. Si capisce fin dalle prime battute che il risultato finale avrà comunque una certa importanza, visto che il team in maglia rossa e quello in maglia bianca si controllano a vicenda e il gioco risulta abbastanza bloccato, con le difese a prevalere sugli attacchi e i portieri Levorato e Guadagni poco impegnati. Le iniziative personali di Keely Jelinek, insieme al dinamismo del capitano Anna Manfrin, sono l’arma principale da una parte, mentre le avversarie in maglia rossa giocano principalmente sulle giocate in velocità fra Sara Guadagni, portiere con licenza di impostare e concludere, Caterina Antinarelli e Francesca Mereta.

Il risultato si sblocca grazie ad un’iniziativa personale di Chiara Punzi, entrata da pochi istanti, che supera Guadagni, molto brava ad opporsi al primo tiro, ma inesorabilmente superata dalla seconda conclusione.  Prima della fine della frazione, le bianche (o bianconere, vista la prevalenza di maglie juventine sul terreno di gioco) operano un break importante con due conclusioni da fuori area di Jelinek e Scalco (la seconda capace di far partire un vero missile terra-aria) che Morena Grasso, subentrata a Guadagni, non può respingere.

Ad inizio secondo tempo, Antinarelli si procura un calcio di rigore che Guadagni trasforma imparabilmente, ma le avversarie controllano tutti i tentativi di rimonta, soprattutto grazie alla solida prestazione difensiva di Jelinek, finendo per ristabilire le distanze con Manfrin e poi arrotondare ancora il punteggio con Fraioli al termine di una mischia sotto porta. Nel finale di gara, Danni Huang e Isabella Montalbano vivacizzano la manovra delle ragazze in maglia rossa e prima dello scadere un rasoterra di Montalbano da posizione defilata sorprende Levorato, fino a quel momento impeccabile, fissando il risultato sul 5-2 a favore della squadra in maglia bianca. I grandi abbracci fra tutte le giocatrici, soddisfatte per la bella prestazione offerta e in fondo tutte vincitrici, chiudono la partita e lasciano spazio alle finali maschili.

La Combriccola, prime classificate. La squadra in ordine alfabetico: Hildestad Sophie, Fraioli Antonella, Jelinek Keely, Kellerwessel Antonia, Korz Jana, Levorato Chiara, Manfrin Anna, Punzi Chiara, Scalco Ludovica

Torneo Maschile

San Antonio Spritz, terzi classificati. La squadra in ordine alfabetico: Achilli Cristiano, Baratto Davide, Castoldi Giacomo, Costantini Matteo, Giusta Giacomo, Luchi Giacomo, Mancini Alberto Maria, Mascagni Leonardo, Sapei Lorenzo.

Il match fra le deluse delle semifinali (Late Comers e San Antonio Spritz) si gioca all’insegna della correttezza reciproca e delle azioni rapide su entrambi i fronti, senza particolari tatticismi e praticamente senza interventi fallosi. Gli Spritz, in maglia orange, reagiscono all’iniziale svantaggio sorretti da una bella prova di Costantini e Mancini, mentre Baratto lotta su tutti i palloni, ma non sembra ispirato in zona goal. Nella ripresa i Late Comers sembrano accusare la stanchezza e cedono fino a soccombere sotto un pesante passivo di tre reti, ma il colpo di coda finale consente alle maglie nere di accorciare fino al 5-4 ed al bomber Edoardo Dal Canto di issarsi sul trono di capocannoniere della Soccer Cup 2016.

Gli Scarti, secondi classificati. La squadra in ordine alfabetico: Antonacci Alessandro, De Luca Natale Matteo, Gavazzi Martino, Lentini Alberto, Lentini Giorgio, Lombardi Federico, Randazzo Francesco, Settanni Luca, Tommasi Larking Francesco.

La finalissima, con l’ingresso delle squadre accompagnato da musiche in stile Champions League grazie alla presenza di Radio Bocconi, si gioca davanti ad oltre un centinaio di spettatori che fanno un gran tifo per le due contendenti. A differenza delle partite precedenti, qui la tensione è palpabile e anche gli interventi rudi si fanno più frequenti, sebbene controllati con autorità dai due arbitri. La prima frazione è di gran lunga la più spettacolare, con un’iniziale allungo degli Scarti, in completo rosso, grazie alla bellissima rete di Gavazzi e alla tripletta dell’ariete Settanni e una decisa reazione degli avversari in maglia bianca, forti di un collettivo più organizzato e più aggressivi sul piano fisico: con un asfissiante pressing in attacco, It Must Be S riesce a raggiungere in extremis il pareggio, dopo aver costretto Antonacci a numerose parate decisive. La ripresa è più bloccata e vede la prevalenza dei bianchi, già finalisti nell’edizione precedente, bravi a controllare la boa avversaria, sempre in campo per tutta la partita a sostenere quasi da solo il peso delle offensive per il proprio team. Gli Scarti si ritrovano in svantaggio di due reti negli ultimi minuti di gara e, pur riuscendo ad accorciare le distanze con una rete spettacolare al termine di un duetto Settanni-Gavazzi, devono subire proprio allo scadere la definitiva marcatura che regala la coppa ai ragazzi di capitan Luca Ceragiola, a coronamento di un ottimo torneo.


It must be S, primi classificati. La squadra in ordine alfabetico: Bocchia Massimo, Ceragioli Luca, Chiarentin Pietro, Conti Nibali Massimo, Gaggiotti Gianluca, Incoronato Lorenzo, Leccese Mario, Pulejo Massimo.

Le premiazioni, brillantemente condotte dal team degli organizzatori e dallo staff di Bocconi Sport Team, con la partecipazione straordinaria del Direttore ISU dottor Grillo che consegna il premio Fair Play al giocatore scelto come esempio di correttezza Matteo Avicolli, vedono tutti i protagonisti ritirare il giusto riconoscimento per i successi ottenuti e in particolare Luca Settanni assicurarsi il premio per il miglior giocatore della Soccer Cup 2016, ossia un pallone autografato da Javier Zanetti, autentica leggenda del calcio e – non dimentichiamolo – bocconiano di recente acquisizione.


Matteo Avicolli, vincitore del premio Fair Play con Roberto Matteucci, Presidente della Sezione Calcio


Edoardo Dal Canto, capocannoniere.


Luca Settanni, miglior giocatore della finale.


Si ringrazia la Fondazione Antonio e Giannina Grillo ONLUS per aver messo a disposizione il Premio Fair Play.

 

Servizio fotografico di Simone Spagnuolo.


In collaborazione con:




Per maggiori informazioni:
bocconisporteam@unibocconi.it

Ultimo aggiornamento 12/05/2017 - 14:25:17