logo stampa

Bocconi Soccer Cup 2015

Campo di calcio palestra UniFit Bocconi Sport Team - marzo e aprile 2015

Sono aperte le iscrizioni per la Bocconi Soccer Cup 2016! Scopri come partecipare QUI.

 

Commento di Alessandro Spota, Dirigente Bocconi Sport Team - Sezione Calcio

Torneo Femminile

Le Real Sraffa, prime classificate. La squadra in ordine alfabetico: Francesca Barberio, Marina Ferlini, Carla Giglio, Monika Halicka, Gaia Minopoli, Natali Monardo, Beatrice Tizzone.

Partita vera. E già questo mette il sorriso a chi racconta e a chi, e fidatevi non erano pochi, era presente. La giornata conclusiva della Bocconi Soccer Cup si è aperta con la finale femminile. In campo - di fatto - un derby interno alla rappresentativa che partecipa ai Campionati Universitari Milanesi CUS. La sfida con le Lokomotiv Sarfatti finisce 4-3 per le Real Sraffa e risponde a mister  Cossu. Sì, anche lo staff si è diviso in questa festa di sport e calcio a 5; Cossu da una parte, Cammarata dall'altra. Ragazze divise che si giocano la finale con la grinta che il termine stesso racchiude nella sua più tradizionale accezione. 
Parlando di quanto visto in campo, l'aperitivo sul tappeto verde racconta di un primo tempo equilibrato con le ragazze schiacciate dal caldo e dalla paura di sbagliare. Ci tengono tutte; d'altronde importi, nell'evento di casa, è l'imposizione che ogni vincente dà a se stesso. 1-1 all'intervallo, Anna Manfrin e Chiara Levorato attente a limitare i danni tra i pali, Roberta Grumiro e Marina Ferlini - invece - fanno capire che sarà testa a testa personale e di squadra fino alla fine. 
Succede di tutto. Si arriva 3-3 a pochi secondi dal termine, ma proprio Marina Ferlini scrive il quarto capitolo di un libro comunque entusiasmante da seguire. 
4-3 e Orange vincenti. Il resto è delizioso contorno di un gruppo che nel tempo è cresciuto tanto dentro e fuori dal campo e che dopo la dolce sfida fratricida si butterà nei playoff del campionato universitario. Lì sì, sarà difficile, ma sognare non costa nulla.


Le Lokomotiv Sarfatti, seconde classificate. La squadra in ordine alfabetico: Rita Ambrosetti, Roberta Grumiro, Sara Guadagni, Ester Guerzoni, Anna Manfrin, Francesca Mereta, Giulia Provino, Isabella Rossi.
 

Torneo Maschile

I FC Quasano, primi classificati. La squadra in ordine alfabetico: Julien Bisagni, Francesco Castellani, Domenico Ceci, Joao Chacra, Pierpaolo Colucci, Augustinas Maniusis, Francesco Randazzo, Federico Rescio,

La sfida per il 3°- 4° posto di questa Bocconi Soccer Cup 2015 vede affrontarsi i Tinderwolves e l'Indole Nativa. I primi non si presentano in campo nel migliore dei modi: senza portiere e con solo 5 giocatori. La seconda squadra, dopo aver eliminato con clamore agli ottavi i Colchoneros (Campioni della competizione nel 2014) e aver visto la finale ad un passo, sfuggita solo ai calci di rigore, si presenta all'appuntamento con la miglior formazione.
I primi minuti sono di marchio Tinderwolves che si portano in vantaggio con un tiro da posizione defilata che spiazza il portiere Manfredi Maretti. Ma l’Indole Nativa inizia ad acquistare fiducia e dopo aver conquistato il pareggio si porta nettamente in vantaggio: a fine primo tempo il tabellino dice 4-1. 
Nella ripresa i Tinderwolves rivoluzionano l'assetto, Fornari non può stare in porta e con la sua grinta porta la squadra ad accorciare fino al 6-5. La rimonta rimarrà peró incompiuta e il triplice fischio regala all'Indole Nativa il gradino più basso del podio.

Finalissima

Sono le 20:00, il sole è ormai scomparso tra le strutture della Bocconi ed ha lasciato spazio ad una leggera brezza che fa abbassare di molto la temperatura esterna. Ma questo non importa a tifosi e giocatori che odono dal fischietto un suono: la sfida per la finale è iniziata. Da una parte FC Quasano dall’altra It Must be S.
La prima squadra ha a disposizione una rosa ristretta, solo sei giocatori in distinta, senza nessun portiere e capitan Federico Rescio che si sistema tra i pali. Più tranquilla la situazione in casa It Must be S dove capitan Luca Ceragioli può contare su una rosa ben più ampia. 
Ma in campo vi è un’altra partita: Domenico Ceci contro Riccardo Ravasio per un faccia a faccia che vale il titolo di Capocannoniere. 
Sin dai primi minuti si percepisce che la partita non è per ballerine di danza classica, falli e cartellini regnano nel campo. È solo l’undicesimo minuto e gli It Must be S vedono assegnarsi contro l’ennesimo fallo: il quinto.
Il protagonista del primo tempo è nel bene e nel male Francesco Castellani (Quasano): prima sigla un gol stupendo di punta, da vero giocatore di Calcio a 5, poi spara un tiro libero alle stelle. Le due compagini si equivalgono e il risultato alla fine del primo tempo è di parità: 2-2. 
Nella ripresa le due squadre iniziano a risentire della stanchezza della semifinale giocata solo due giorni prima: la bagarre e il disordine prendono il sopravvento, con lo spettacolo che ne risente. Solo due goal degni di nota. Uno realizzato dall’asse Bisagni-Ceci, gran tiro di Ravasio l’altro. 
Ma quando l'arbitro fischia la fine il risultato è di pareggio: 5-5 e si va ai supplementari. Un boato assale il cortile del pensionato: gli It Must be S segnano!I tifosi esultano, si sentono le loro urla, ma un impavido Julien Bisagni li zittisce dopo meno di 30 secondi insaccando la palla in rete per il Quasano. Sembra non poterci essere un vincitore ma proprio quando le squadre pensano già ai calci di rigori avviene la svolta. Il cronometro segna 2.30 al termine ed ecco spuntare nuovamente bomber Ceci che trova la giusta traiettoria per battere Fabio Ruspi e incidere sugli annali il nome del Quasano come campione della Bocconi Soccer Cup 2015.


Gli It Must Be S, secondi classificati. La squadra in ordine alfabetico: Luca Ceragioli, Pietro Chiarentin, Massimo Conti Nibali, Gianluca Gaggiotti, Lorenzo Incoronato, Massimo Pulejo, Riccardo Ravasio, Fabio Ruspi, Giovanni Tortorella.


Gli Indole Nativa, terzi classificati. La squadra in ordine alfabetico: Giabriele Belluzzi, Paolo Cerruto, Filippo Giorgio, Manfredi Maretti, Marco Mariucci, Marco Minicucci, Francesco Vide’-


Domenico Ceci, Capocannoniere


Lorenzo Rossi, vincitore del premio Fair Play.


Bocconi Sport Team ringrazia lo staff - Fabio Barbone, Francesco Frascerra, Giovanni Manza, Saverio Suaria - che ha contribuito all'ottima realizzazione del torneo e gli arbitri - Gianpaolo Carucci, Gianluca Cocco, Davide De Domenico, Alfonso Digiesi, Nipuna Fernando Hallawa- per la loro preziosa collaborazione nell'arbitrare le partite.

Si ringrazia la Fondazione Antonio e Giannina Grillo ONLUS per aver messo a disposizione il Premio Fair Play.

 

Servizio fotografico di Simone Spagnuolo.


In collaborazione con:




Per maggiori informazioni:
bocconisporteam@unibocconi.it

Ultimo aggiornamento 01/12/2016 - 16:42:04