Immagine sezione
Logo Bocconi

Misure di Incentivazione dell’attività di ricerca

L’Università ha sviluppato un articolato sistema di incentivi alla ricerca, fondato prevalentemente sui risultati del processo di valutazione delle performance individuali e incentrato su quattro tipi di interventi, di seguito richiamati.

 

Modello di retribuzione dei docenti

Il sistema di retribuzione contrattuale dei docenti di ruolo prevede alcuni elementi variabili che sono singolarmente riesaminati ogni 3 anni anche sulla base delle performance individuali dimostrate in ambito scientifico (oltre che sul fronte didattico ed istituzionale). La valutazione di questi aspetti è effettuata da appositi comitati interni (Commissione di Valutazione e Comitato Stipendi) e può dare luogo alla collocazione di un docente in una classe stipendiale superiore rispetto a quella a cui avrebbe diritto sulla base della sua anzianità di servizio.

Per quanto concerne l’ambito della ricerca, la valutazione viene svolta sulla base di una seri di parametri, che prendono a riferimento sia le pubblicazioni (e le relative citazioni ricevute) sia le altre attività ad esse collegate, quali: progetti di ricerca finanziati, coordinamento/partecipazione a gruppi di ricerca nazionali o internazionali, inviti a tenere conferenze, convegni o seminari, affiliazioni a società scientifiche, premi, etc.. La calibratura e la rilevanza assegnata ai singoli indicatori utilizzati è funzione degli ambiti disciplinari considerati.

 

Profilo Ricerca

E’ un istituto particolare predisposto dall’Università per consentire a quei docenti (di ruolo e con contratto a tempo pieno) che dimostrano un’elevata produttività sul fronte della ricerca di disporre di più tempo da dedicare a quest’attività. Consiste nell’attribuzione, su espressa richiesta, di una riduzione del carico didattico minimo obbligatorio a favore di coloro che rientrano nelle suddette condizioni.

 

Premio di Eccellenza nella Ricerca (solo per l’area delle Scienze Economiche e Statistiche)

È il riconoscimento monetario di carattere più esclusivo, annualmente messo a disposizione di tutti i docenti di ruolo o strutturati che hanno pubblicato articoli su riviste di fascia più elevata (A+ nella classificazione interna Bocconi). Al di là della consistenza economia del premio, la sua importanza risiede nel riconoscimento “sociale” che esso genera, dal momento che i nominativi dei vincitori vengono resi pubblici all’interno della comunità accademica bocconiana.

 

Premio di Impatto nella Ricerca (solo per l’area delle Scienze Economiche e Statistiche)

È un’altra forma di remunerazione monetaria riconosciuta a quei docenti che hanno prodotto output scientifici che hanno avuto un forte impatto nella comunità scientifica di riferimento o, in senso più ampio, nella collettività (es.: elevato numero di citazioni, impatto rilevante sulle politiche pubbliche) pur non essendo stati pubblicati su riviste scientifiche di primo piano.

 

Legal Studies Award (solo per l’area delle Scienze Giuridiche)

Questo premio sostituisce, per l’area giuridica, il Premio di Eccellenza e il Premio di Impatto nella Ricerca ed è destinato ai docenti autori di singoli prodotti di ricerca aventi caratteristiche di assoluta e riconosciuta eccellenza.

Il riconoscimento monetario è assegnato annualmente sulla base della valutazione espressa da referee esterni, che selezionano i contributi di eccellenza nella ricerca giuridica tra le pubblicazioni edite nei 3 anni precedenti (“Valutazione Qualitativa”). Il premio è altresì attribuito, in via automatica, alle pubblicazioni edite nell’anno precedente sulle riviste internazionali di fascia A+ selezionate dal Comitato Ricerca (“Valutazione da Rivista”).